L'Era Glaciale 3
www.famigliacristianaonline.it

"L’ERA GLACIALE 3 – L’ALBA DEI DINOSAURI"

BRIVIDI IN FAMIGLIA

Testata
www.famigliacristianaonline.it
Data
18 agosto 2009
Firma
Maurizio Turrioni

Torna il bradipo pasticcione più simpatico e popolare del mondo.
I suoi amici di sempre stavolta si sistemano e allora lui decide di adottare tre uova. E qui cominciano i guai.

Ha un bel dire, Claudio Bisio, che non gli somiglia. Sta di fatto che il bradipo Sid, protagonista del cartone L’era glaciale 3 - L’alba dei dinosauri, sembra la sua caricatura sputata. Quasi che il produttore americano Chris Wedge e il suo braccio destro, il regista Carlos Saldanha, fossero fan di Zelig e nel creare il fortunato personaggio animato si siano lasciati influenzare da movenze e atteggiamenti del comico "crapa pelada". Logico quindi che Osvaldo De Santis, boss della Fox, al momento di scegliere la voce italiana di Sid (il primo film della serie è uscito da noi nel 2002, il secondo nel 2006) abbia pensato subito a lui. Scelta azzeccatissima, che ha portato fortuna sia alla Fox (le pellicole hanno fatto man bassa al botteghino) sia al buon Bisio, la cui popolarità è cresciuta a dismisura tra le file degli spettatori più piccoli.

«Pensare che, quando me lo proposero la prima volta, rimasi piuttosto freddino», ricorda Bisio, 52 anni. «Portai a casa un breve trailer del cartone animato, non più di qualche minuto, giusto per dargli un’occhiata. E lì scattò la magìa: mio figlio Federico, che allora era piccolo e non poteva capir nulla dei dialoghi, rimase letteralmente appiccicato al video, finendo per consumare il nastro a furia di rivederlo. Capii che era un’occasione che non potevo lasciarmi scappare. Adesso, rifare Sid è stato proprio come ritrovare un amico, simpatico e logorroico, tale e quale a me».

Le affinità, però, finirebbero qui. A detta, almeno, del diretto interessato. Anche se Bisio dà l’impressione di godere di una certa pigrizia, proprio come il suo alter ego sullo schermo. Raggiunta la fama in Tv grazie a Zelig continua, stagione dopo stagione, a inanellare puntate (prima accanto a Michelle Hunziker ora a fianco di Vanessa Incontrada) come in un rito autocelebrativo. «Ma no, non è vero!», obietta piccato. «Anche se sono anni che il nostro show piace alla gente, noi non abbiamo mai smesso di lanciare nuovi talenti comici, di costruire con cura ogni puntata, come si fa con il canovaccio di una commedia. Non ci siamo mai seduti... Quanto a me, tra televisione, cinema e teatro direi proprio di essere uno che non si risparmia. Sono appena stato cinque mesi lontano da Milano per girare con Sabrina Ferilli la seconda serie Tv di Due imbroglioni e mezzo! , poi ho fatto il doppiaggio di Sid. Il 31 agosto comincerò le riprese di Benvenuti al Sud, remake italiano di Giù al Nord, successo cinematografico del francese Dany Boon. Dopo il film, porterò in scena uno spettacolo teatrale su testi di Giorgio Gaber. A gennaio, infine, ricomincerò Zelig. Più di così cos’altro dovrei fare?».

Ha ragione. In effetti Bisio, in oltre 25 anni di carriera, ha saputo crescere e migliorarsi. Sul palcoscenico è stato diretto da Salvatores, De Capitani, Dario Fo, prima di stringere sodalizio col regista Gallione e con lui mettere in scena due fortunate commedie di Daniel Pennac. Sul set non si è limitato ai blockbuster comici (Natale a New York, Manuale d’amore 2, I mostri oggi, Ex) e ha lavorato anche con Mario Monicelli (I Pìcari), Dino Risi (Scemo di guerra), Giuseppe Bertolucci (I cammelli), Francesco Rosi (La tregua) contribuendo addirittura all’Oscar di Salvatores per Mediterraneo (ben cinque i film girati con l’amico).

«Ecco, gli animali dell’Era glaciale mi ricordano la complicità di gruppo che c’era tra noi nei primi film di Salvatores», azzarda il paragone Bisio. «Sid è pasticcione e un po’ codardo ma ama la vita, è sincero, crede nell’amicizia. Si può essere maldestri, purché senza cattiveria. Gli amici perdonano la buonafede».

Lo scoprirà il buon bradipo in L’era glaciale 3 - L’alba dei dinosauri, avventura in cui metterà involontariamente a repentaglio la vita dei suoi compagni: la tigre dai denti a sciabola Diego, i due mammuth Manny ed Ellie, gli opossum Eddie e Crash. Il fatto è che la coppia di elefanti preistorici presto avrà un cucciolo e Sid vorrebbe tanto pure lui una famiglia... Visto che in giro non c’è una femmina adatta, decide di "adottare" tre uova trovate per caso. Il guaio è che dai gusci verranno alla luce piccoli dinosauri. E mamma T-Rex li reclamerà...

Al tema dell’amicizia si aggiunge perciò quello familiare, intreccio sul quale Sid e soci danno via al solito cabaret di battute fulminanti e situazioni esilaranti esaltate, nei 150 cinema attrezzati, dalla proiezione in 3D (l’appuntamento è per il 28 agosto). Ciliegina sulla torta, il buffo scoiattolo preistorico Scrat, che nelle precedenti pellicole sfidava mille disastri inseguendo una ghiotta ghianda. Proprio nel momento in cui acciufferà la mitica preda, scoprirà una pericolosa concorrente: la scoiattolina Scrattina. E quanto l’amore possa costar caro.

Confermate le voci italiane del cartone: Roberta Lanfranchi e Leo Gullotta fanno Ellie e Manny, Pino Insegno è Diego, Massimo Giuliani è Buck, Lee Ryan (voce solista del gruppo dei Blue) fa Eddie. Ma la star è Claudio Bisio, alias Sid.

«Mi ha fatto guadagnare punti anche con i miei figli!», gongola il comico. «Alice, 13 anni, era così timida da vergognarsi di essere figlia di uno che fa Tv. Invece Federico, 11 anni, oggi è fiero del suo papà. Capita che metta in fila chi mi chiede l’autografo e si arrabbia pure se non ho con me le cartoline da firmare».