Benvenuti al Sud
La Repubblica ed. Napoli

Castellabate Paradiso

'Benvenuti al Sud' campione d'incassi nel weekend

Testata
La Repubblica ed. Napoli
Data
5 ottobre 2010
Firma
Antonio Tricomi
Immagini
Immagine dell'articolo su La Repubblica ed. Napoli

Ed è record. ‘Benvenuti al Sud’ conquista l’Italia. Quattro milioni e centomila euro d'incasso nel primo week-end regalano al film diretto dal napoletano, Luca Miniero il primo posto nella classifica degli incassi. La vicenda del dirigente postale lombardo obbligato a trasferirsi a Castellabate, nel Cilento, e della sua graduale perdita di pregiudizi antimeridionali, ha dunque conquistato il pubblico nazionale. E questo, considerata l'ambientazione e le intenzioni del film, e magari anche il suo piccolo "messaggio", non è privo di significato.
Un successo che, spiega Maurizio Gemma, direttore della Film Commission Regione Campania, «conferma la bontà dell' operazione di marketing territoriale da noi promossa. Un percorso iniziato nel settembre 2008 aIla Mostra del cinema di Venezia, quando apprendemmo che Medusa e Cattleya avevano acquisito i diritti per un remake italiano della commedia francese "Giù al Nord". E siamo orgogliosi di essere riusciti con la proposta di Castellabate abbattere la concorrenza di numerose altre location del CentroSud». Da un record a un altro: "Giù al Nord" è il secondo incasso francese di tutti di tempi (il primo e "Titanic"). E ha indotto, nella cittadina di Bergues, dove è stato girato, un incremento del 20 per cento nelle presenze turistiche.
«Già domenica pomeriggio il centro storico era percorso da gruppi di turisti che chiedevano in giro dove erano state girate le scene del film che avevano appena visto», racconta Costabile Maurano, sindaco di Castellabate. «Ma un presentimento positivo abbiamo cominciato ad avvertirlo mentre assistevamo alle riprese, apprezzando l’ alta qualità. umana e professionale del regista Miniero e dell'intero cast. Sono felice, ovviamente, ma neanche tanto meravigliato di questo successo. Ora proprio tutti ci conoscono e sempre più ci conosceranno». E se l’incremento delle presenze turistiche a
Castellabate fosse pari a quello di Bergues? «Non è certo questo che ci spaventa, siamo pronti ad accogliere chiunque vorrà venire a trovarci. Però in questo momento mi sembra più importante il messaggio: l'ltalia senza il Sud non è niente, chi ancora dovesse coltivare qualche pregiudizio si dovrà arrendere al calore e alla disponibilità della nostra gente, proprio come accade nel film».
Enrico Nicoletta, responsabile dell'ufficio comunale del turismo, ha lavorato a stretto contatto con la produzione nel corso delle riprese. Ha il suo ufficio a Villa Matarazzo, nella frazione Santa Maria, dove "Benvenuti al Sud" è stato proiettato in anteprima. «C' era un po' tutto il paese e in molti ci siamo emozionati», racconta Nicoletta. «É una grande vittoria del Sud e soprattutto del Cilento. Arriva in un momento particolare, a poche settimane dall'omicidio del sindaco di Pollica, Angelo Vassallo. E che dunque acquista ancora più valore».
La notizia dell' exploit di "Benvenuti al Sud" raggiunge in Grecia anche Amilcare Troiano, presidente del Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano. «Guardando il film mi sono divertito come raramente nella mia vita, ma mi sono anche commosso fino alle lacrime», rivela Troiano. «Un film comico ma con un messaggio fortissimo. Oserei dire che non si tratta di un' opera di fantasia, la pellicola rappresenta esattamente la realtà: il Cilento è uno scrigno di bellezze naturali e di calore umano».