Benvenuti al Sud
Corriere della Sera

«ll vostro Sud è il nostro Nord: pregiudizi»

Testata
Corriere della Sera
Data
7 ottobre 2010
Firma
Stefano Montefiori
Immagini
Immagine dell'articolo su Corriere della Sera

PARIGI –‘Il Sud dell'Italia è come il Nord della Francia. É la terra più colpita dai pregiudizi, ed è anche un luogo che sa farsi amare. Ogni nazione ha i suoi "terroni". In Francia sono gli ch'tis, in Italia i meridionali, in Germania gli ossis’. Dany Boon, 44enne uomo del Nord al confine con il Belgio, è felice del successo italiano della sua idea In Bienvenue chez lesCh'tis, già uscito in Italia come Giù al Nord, era co-protagonista, regista e co-sceneggiatore. Ora la _ storia a lieto fine dell'impiegato costretto ad accettare il più temuto dei trasferimenti, e felice poi della sua nuova vita, è diventata Benvenuti al Sud di Luca Miniero, con Claudio Bisio. Subito il film più visto del week-end.
‘Nel remake italiano sono consigliere artistico e ho un cameo, una strizzata d'occhio agli spettatori che hanno visto anche il film francese. Me lo avevano chiesto quando ho visitato il set, mesi fa.
É una trasposizione fedele?
‘Durante la lavorazione mi è sembrato subito che funzionasse. I due protagonisti Claudio Bisio e Alessandro Siani sono adorabili; credo che la sincerità sia il motivo fondamentale del successo del mio film, e l'ho ritrovata anche in questo. Alcune cose mi hanno fatto molto ridere, altre non le ho capite, appartengono a un umorismo troppo specifico ’.
Se le è fatte spiegare?
‘Sì un po’ sul set e un po’ dalla famiglia di mia moglie Yael, che ha una nonna italiana’.
Perché la sua storia ha così successo?
‘Mi sono posto l’obiettivo di non fare delle caricature e di trattare i miei personaggi con amore. La paur del diverso è universale, tocca a tutti e interessa tutti. Anche gli americani, che faranno un altro remake con Will Smith ambientato in North Dakota’.
E ‘Gomorra’, tratto da Saviano, è un altro modo di raccontare il Sud?
‘L 'ho visto, mi è piaciuto molto e conosco la vicenda di Saviano. Spero che anche il remake del mio film, in un modo molto diverso possa essere utile al Sud e agli Italiani’.