Benvenuti al Sud
Affaritaliani.it

Claudio Bisio nel Presepe di cioccolato dedicato al film "Benvenuti al Sud"

Testata
Affaritaliani.it
Data
7 dicembre 2010
Firma
Paola Cavallero
Immagini
Immagine dell'articolo su Affaritaliani.it



Questo Natale anche Claudio Bisio ha una statuetta nel Presepe. Siccome è un comico, si tratta di una scultura in cioccolato. A Sorrento è stato creato il Presepe di cioccolato bianco, al latte, e fondente con la riproduzione del set del film "Benvenuti al sud", campione di incassi in questo autunno. Il pasticciere della costiera Antonio Cafiero, amico dei vip dello spettacolo, ha scolpito oltre 120 chili di cioccolato come ringraziamento dei campani al regista Luca Miniero che ha portato sul grande schermo il Cilento.


La storia, remake del francese "Giù al nord" (2008) - 140 milioni di euro ai botteghini, primo film della storia del cinema francese -, è stata ambientata a Castellabate, dove il milanese Alberto (Bisio), responsabile delle Poste nella Bassa Brianza, viene trasferito a causa di una sanzione sul lavoro. Parte pieno di pregiudizi, indossando un giubbotto antiproiettile come gilet, invece troverà un'accoglienza calorosa e diventerà amico del postino Mattia (Alessandro Siani).


Nella pellicola francese l'odissea segue il percorso inverso, ma con identica filosofia: per i francesi andar al Nord, al Pas de Calais, vuol dire trovarsi tra persone sempliciotte dai modi rozzi e con un dialetto incomprensibile. Il set di cioccolato è stato presentato all'hotel Hilton di Sorrento durante le "Giornate professionali del Cinema" (foto).

Vi si ritrovano proprio tutti i simboli del film: il Duomo di Milano e l’auto di Alberto, l’ufficio postale, la casa, e la Vespa di Mattia. E, ancora, il porto di Castellabate, il bar del paese e i fuochi d’artificio. Da oggi e per tutte le festività natalizie, il presepe di "Benvenuti al Sud" si potrà ammirare nella gelateria "Primavera" di corso Italia a Sorrento dove, per l’occasione, è stato prodotto anche il gelato al "sanguinaccio" ispirato a un’altra scena cult girata in provincia di Salerno.