Coèsi se vi pare
Gazzetta di Mantova

ROCK E TEATRO AL TE

Elio e Bisio conquistano tutti

Testata
Gazzetta di Mantova
Data
14 luglio 2006
Firma
Nicola Facchini
Immagini
Immagine dell'articolo su Gazzetta di Mantova

La carica dei tremila ha festeggiato la “strana coppia” Bisio ed Elio e le Storte Tese. È stato un successo il concerto-spettacolo che lo show man di Zelig e l'eclettico gruppo rock italiano hanno offerto ieri sera nell'esedra di palazzo Te per l'inaugurazione ufficiale della quinta edizione di Mantova Live. Coèsi se vi pare è il titolo di questo primo appuntamento nella villa giuliesca con la rassegna estiva mantovana e proprio il nome del tour 2006 rappresenta la sintesi dello spettacolo che ieri sera è stato accolto con grandi consensi dal folto pubblico che ha gradito l'originale mix di rock e cabaret.

In tremila nell'esedra della villa giuliesca
Successo e applausi per le irresistibili gag dell'inedita coppia

Il primo a salire sul palco è stato Elio col gruppo. Poi il chitarrista interrompe la performance con un messaggio lapidario: “hai fatto il tuo tempo”. A questo punto arriva Bisio con tanto di mantello e teschio, prima semi nascosto in un baldacchino rosso. C'è il tempo per una finta lite tra i due e poi via alle gag. Quando si esibiscono nomi come Bisio, gran mattatore di Zelig e una band un po' fuori di testa e amatissima dal pubblico, come Elio e le Storie Tese, il coinvolgimento è assicurato.
Gli irresistibili sketch di Bisio interpretati da Elio e dalla sua band o i grandi successi degli autori di Italia si e Italia no cantati dallo stesso Bisio sono il segreto dello spettacolo. Un originale mix che sul palco di palazzo Te si è sviluppato in crescendo coinvolgendo il pubblico che, divertito, ha applaudito a lungo. Lo show, come è stato sottolineato l'altro ieri durante la conferenza stampa di presentazione cresce ad ogni rappresentazione, si modifica e si evolve tutte le volte che il re di Zelig ed Elio, Faso, Rocco Tanica Mangoni, Jantoman, Cesareo e Christian Meyer alzano il sipario su Coèsi se vi pare. E il tentativo di unire due universi per certi aspetti opposti come il rock e il teatro è riuscito? Musica, canzoni e monologhi hanno pienamente centrato l'obiettivo mettendo in campo una formula unica e quasi indefinibile. La scenografia è rappresentata dall'interno di una casa e tutta la trama è in eterna evoluzione: la tappa mantovana (la nona) è stata ricca, molto più ricca se confrontata alla prima. Ecco come gli stessi protagonisti spiegano lo spettacolo: ogni tappa è la sintesi di una tesi e di un’antitesi, in pratica uno spettacolo “in fieri”. Non esiste figura del regista, perchè la regia è collettiva (e non poteva essere altrimenti con tante prime donne sul palco) e l'improvvisazione sgorga senza preavviso dalla loro vulcanica vena artistica. Il repertorio è quello classico ma mescolato, messo sotto sopra e per certi versi stravolto fino a divenire irresistibile. Lo spettacolo è stato una sorta di rock opera in cui la trama si è arricchita grazie alle precedenti otto serate attraverso canzoni e brani recitati. Il tutto si spiega facilmente con una similitudine uscita dal genio artistico degli stessi protagonisti: “É un po' come il gioco della Settimana Enigmistica, quello in cui si uniscono i puntini, ma senza i numeri sui puntini”. Insomma, un successo che i mattacchioni nostrani, tra i più amati dagli italiani, han-no proposto in una splendida cornice. Il palazzo giuliesco ha offerto un ambiente artistico perfetto per coniugare un tentativo unico di fare ensemble tra rock e teatro. Tanto di cappello al grande Bisio e a Elio e la sua band. Lo spettacolo ha conquistato tutti.