Every Child Is My Child

Every Child Is My Child
 

Il giorno dopo l’attacco chimico in Siria, che nella notte tra il 6 e il 7 aprile 2017 ha causato l’ennesima strage di bambini, ricevo un messaggio dalla mia amica Anna Foglietta. Aveva creato un gruppo Whatsapp composto da amici che nel corso dei giorni ha raggiunto i 250 nomi fra attori, musicisti, personaggi televisivi e dello sport.

Obiettivo? Lanciare un messaggio contro gli orrori e i crimini che tutti noi avevamo letto sui giornali quel giorno: «Voglio dire basta alla guerra in Siria. Ormai non si può più tacere, perché ogni bambino è un nostro bambino».

Così è nato “Every Child is My Child”, un gruppo indipendente di artisti italiani che, dopo aver lanciato l’appello attraverso i social e il web, ha avuto voglia di pensare e progettare iniziative concrete.

Le prime sono state presentate in una conferenza stampa a Roma il 16 giugno: un concerto al Parco Archeologico di Vulci (VT) il 5 agosto e un libro edito da Salani, con oltre 30 storie vere o magiche sull’infanzia. Il nostro obiettivo è quello di raccogliere fondi per realizzare una scuola elementare in Turchia al confine con la Siria.

“Every Child is my child” siamo noi e chiunque abbia a cuore la tutela dei bambini, della loro istruzione, salute e benessere.

 

Seguiteci sul web!

http://www.everychildismychild.it/

Allegati/Varie